Sutri, la cittadina della Tuscia di cui è sindaco Vittorio Sgarbi, a partire dallo scorso 21  Novembre è entrata a far parte  dei “Borghi più belli d’Italia”. 


In poco meno di due anni l’intensa attività di promozione e valorizzazione ha portato in città migliaia di visitatori. Oggi il fiore all’occhiello di questa attività è il Palazzo Doebbing, lo spazio museale voluto da Sgarbi che ospita grandi capolavori dell’arte italiana.

Da secoli, la città di Sutri è rimasta immutata nel tempo: uno spettacolo che, percorrendo la via Cassia in direzione Viterbo, si offre al visitatore in tutta la sua suggestiva e indimenticabile bellezza, premiata con la Bandiera Arancione, un importante riconoscimento del TCI (Touring Club Italiano) che certifica i piccoli borghi eccellenti dell’entroterra. 

Giorgia Meloni Inaugura la strada di Giorgio Almirante a Sutri

COSA VEDERE A SUTRI

Tante le Meravigle della Città da scoprire in un itinerario turistico che offre un incredibile esperienza turistica. Il centro storico nella sua bellezza e unicità, Il Museo di Palazzo Doebbing, il parco archeologico, il Mitreo, Villa Savorelli la Necropoli e .. tanto altro ancora !

Delimitata su tre lati dal palazzo e su quello restante dall’arco di accesso con soprastante torre campanaria, occupa la posizione dell’antico foro della città romana. La centralità del suo ruolo continuerà sia in epoca medievale, quando è ...  Leggi

Edificata intorno alla seconda metà del XV sec.dalla famiglia Odeschi, per essere acquistata in pieno Rinascimento dalla famiglia Altoviti. Nella prima metà del XVII sec. passò ai Muti-Papazzurri ed infine, nel XIX sec....Leggi

Sebbene le colline del territorio di Sutri siano interamente traforate da tombe risalenti ad epoche diverse, la necropoli principale della città è quella ....Leggi

La nostra avventura inizia all’interno del Parco Regionale dell’Antichissima Città di Sutri, caratterizzato da importanti evidenze archeologiche e da una forte varietà di ambienti naturali, che garantiscono un elevato livello di biodiversità... Leggi

Situata in posizione baricentrica rispetto al pianoro della civitas, è ancora oggi posta più o meno in asse con la via principale che taglia da ovest a est il centro storico. La centralità del suo ruolo continuerà sia in epoca medievale, quando è citata ...Leggi

L’edificio attuale è il risultato di varie trasformazioni, l’ultima delle quali attuata tra il 1745 e il 1753, che ha cambiato definitivamente la struttura della chiesa più antica... Leggi

Completamente scavato nel tufo; l’identificazione trova conferma nelle caratteristiche strutturali della chiesa, che somigliano a quelle dei luoghi dedicati al dio Mitra. L’attuale vestibolo era separato dal resto della chiesa e ....Leggi

La porta occupa il sito di un accesso antico alla città romana, al quale appartengono i blocchi squadrati di peperino che fanno da piedritti interni nell’attuale ingresso. La porta è ad arco, con a fianco una torretta semicircolare. Sul concio in chiave ... Leggi

Ricostruita nel XVIII sec. su disegno di 

Sebastiano Cipriani sul sito di un edificio precedente, presenta un’imponente facciata, di influenza borrominiana... Leggi